Usa, contro gli automobilisti ubriachi auto dotate di rilevatore alcol

Tempo di lettura: 2 minuti

Allo studio, diverse tecnologie che dovrebbero bloccare in automatico i veicoli condotti da chi ha bevuto troppo.

La lotta contro l’abuso di alcol si combatte anche nelle – e grazie alle – auto. Così almeno pare stia accadendo negli Stati Uniti dove il National Transportation Safety Board raccomanda che tutti i nuovi veicoli del Paese siano dotati di sistemi di monitoraggio dell’alcol nel sangue, affinché si impedisca a una persona ubriaca di guidare. L’obiettivo è quello di ridurre il numero di incidenti legati all’abuso di alcolici, una delle maggiori cause di decessi in autostrada negli Stati Uniti.

L’NTSB, che non ha autorità di regolamentazione e può solo chiedere ad altre agenzie di agire, ha affermato che la raccomandazione è studiata per esercitare pressioni sull’NHTSA, la National Highway Traffic Safety Administration e potrebbe essere efficace già tra tre anni. La ricerca per lo sviluppo della tecnologia da adottare nei veicoli è finanziata dall’agenzia e da un gruppo di sedici case automobilistiche che stanno lavorando congiuntamente dal 2008, avendo dato vita al progetto Driver Alcohol Detection System for Safety. Ad occuparsi dello sviluppo è una società svedese che sta testando una tecnologia in grado di raccogliere – tramite un sensore – l’alcol nell’alito di un guidatore e impedire così al veicolo di muoversi se il conducente è ubriaco.

Un’altra azienda sta lavorando invece su una tecnologia in grado di testare l’alcol partendo dal dito una persona al volante. La tecnologia Breath potrebbe essere pronta entro la fine del 2024, mentre la tecnologia touch arriverà circa un anno dopo. Ovviamente, una volta pronte queste tecnologie, ci vorranno anni prima che possano essere installate nella maggior parte dei circa 280 milioni di veicoli sulle strade degli Stati Uniti, ma il tempo a disposizione della NHTSA non è poi tanto, in quanto lo stesso Congresso Usa ha richiesto di far installare alle case automobilistiche sistemi di monitoraggio entro tre anni.

Facebook
Twitter
LinkedIn