La Coppa del Mondo entra nel vivo, ma senza alcol

Tempo di lettura: < 1 minuto

I mondiali di calcio in Qatar vietano l’uso di alcolici e fanno dietro front sulla birra durante le partite come scritto dal New York Times.

Alcolici vietati in Qatar e niente birra scrive il New York Times. A Mondiali iniziati dunque c’è un dietro-front da parte del paese arabo che, in un primo momento, pareva aver consentito il consumo di alcolici nelle zone dedicate ai fan e nei bar al chiuso. Così non è invece, stando a quanto scritto dal noto giornale americano.

Manca ancora una posizione ufficiale – che dovrebbe arrivare ad ore – ma a quanto pare i funzionari del Qatar hanno deciso che l’unico alcol in vendita negli stadi durante il mese di Coppa del Mondo sarà analcolico.

Il Qatar è una nazione musulmana conservatrice in cui la vendita di alcol è strettamente controllata. Secondo questa indiscrezione “i possessori di biglietti avranno accesso ai prodotti Budweiser, Budweiser Zero e Coca-Cola all’interno del perimetro dello stadio” per almeno tre ore prima delle partite e per un’ora dopo. Secondo quanto si apprende, mezzo litro sarà venduto al costo di 14 euro, un record nella storia dei mondiali.

Il marchio di proprietà di AB InBev è stato così costretto a spostare i punti vendita di birra poco prima del torneo di domenica.

Facebook
Twitter
LinkedIn