Giovanni Rosso ottiene la certificazione Equalitas e debutta nuovamente su La Place de Bordeaux

Tempo di lettura: 2 minuti

Doppio successo per la cantina familiare piemontese: certifica la propria sostenibilità ambientale, etica ed economica e introduce il Barolo Cerretta 2018 su La Place de Bordeaux.

di Giovanna Romeo

Un traguardo importante per Davide Rosso, proprietario ed enologo della cantina Giovanni Rosso, che annuncia la certificazione Equalitas di sostenibilità ambientale, etica ed economica commentando così: “Essendo un’azienda vinicola familiare storica, comprendiamo il valore e la responsabilità che abbiamo nei confronti delle generazioni future. Vogliamo ridurre il più possibile l’impatto ambientale, continuando a produrre vini di altissima qualità rappresentativi del proprio terroir“.

Sono tre le aree principali che vengono valutate da Equalitas, società di fama internazionale, quella ambientale, sociale ed economica, pilastri che riguardano ogni aspetto della gestione del vigneto, gestione aziendale e rapporti con gli stakeholders, nonché progetti comunitari e culturali che dimostrano la portata di questa prestigiosa azienda vitivinicola. I vigneti e la cantina sono stati rigorosamente esaminati portando all’azienda la certificazione di “Sustainable Winery” dopo una rigorosa valutazione. L’azienda continuerà a essere sottoposta a controlli annuali.

Giovanni Rosso non si ferma qui e introduce con successo su La Place di Bordeaux anche il suo Barolo Cerretta 2018, vino 100% Nebbiolo proveniente dal terroir di Serralunga d’Alba che ha già ottenuto il plauso della critica,. Nel maggio 2021 era stato l’Etna Rosso 2018 di Giovanni Rosso a diventare il primo vino etneo disponibile per l’acquisto attraverso il sistema di vendita di vini pregiati di Bordeaux. L’azienda vitivinicola continuerà a collaborare con i négociant selezionati di fama internazionale Barrière Frères, Joanne, Ld Vins, Louis Vialard, Descaves, Ballande & Meneret, Alias e Maison Ginestet per presentare il suo Barolo Cerretta D.O.C.G. del 2018, rilasciando circa 7.000 bottiglie, ovvero quasi l’intera produzione, a La Place.

Il vigneto Cerretta, situato a 350-365 m s.l.m., è di proprietà della famiglia dal 1920 ed è stato parzialmente reimpiantato nel 1984 e nel 2000. Questo appezzamento ad anfiteatro, esposto a est e a sud-est, giace su un terreno calcareo-argilloso che crea un microclima perfetto per le uve Nebbiolo.

Facebook
Twitter
LinkedIn