Speciale MWW2022: Ascovilo e Grana Padano insieme alla Milano Wine Week

Tempo di lettura: 2 minuti

Una domenica all’insegna dei 13 consorzi vitivinicoli lombardi e del famoso formaggio lombardo.

Ascovilo, l’associazione nata nel 1977 che raggruppa i Consorzi di Tutela dei vini lombardi Docg, Doc e Igt ha partecipato alla quinta edizione della Milano Wine Week accanto a un partner di eccezione, il famoso formaggio lombardo Grana Padano.

Un Walk Around Tasting domenicale nella bella sede di Palazzo Serbelloni di Milano che ha visto protagonisti tanti banchi d’assaggio dedicati ai territori della Lombardia.

Un’occasione per assaggiare nuove etichette e accompagnare la degustazione con assaggi di Grana Padano, in tre diverse stagionature. Una partnership non casuale perché Grana Padano e Ascovilo lavorano in sinergia al progetto triennale “Eccellenze europee del gusto. Nati per stare insieme” (Maggio 2021 – Aprile 2024), un piano di informazione e promozione cofinanziato dall’Unione Europea (Regolamento (UE) 1144/2014) volto a favorire la conoscenza dei marchi DOP e IGP tra i consumatori europei, in Italia e in Germania.

La coralità della proposta dei vini lombardi in abbinamento alle stagionature di Grana Padano è un grande punto di forza da valorizzare insieme – ha sottolineato Giovanna Prandinipresidente di Ascovilo – ritengo strategicamente importante rafforzare la conoscenza dei Vini di Lombardia al fine di creare nel consumatore maggiore consapevolezza rispetto all’importanza del settore agroalimentare regionale quale eccellenza nazionale. I vini e i formaggi della Lombardia sono fiori all’occhiello della produzione agroalimentare della nostra regione e rappresentano un biglietto da visita di cui andare orgogliosi. Due filiere di grande qualità”.

Con una crescita delle esportazioni superiore al 7% nel 2021, il Grana Padano si conferma quale simbolo dell’eccellenza dell’agroalimentare italiano – ha aggiunto il Direttore Generale del Consorzio, Stefano Berni – inoltre siamo consapevoli della responsabilità che deriva dal fatto di essere il formaggio DOP più consumato al mondo. Un fatto che ci offre la possibilità di essere il traino per le altre eccellenze a denominazione che ricadono sugli stessi territori di produzione Grana Padano”.

Facebook
Twitter
LinkedIn