APPIUS 2018 – Cantina San Michele Appiano

Tempo di lettura: 2 minuti

di Irene Forni

La storia

Oltre cento anni di storia, per questa azienda che domina e si erge lungo la strada del vino ad Appiano, in Alto Adige. La Cantina San Michele Appiano è certamente una delle aziende che più ha contribuito al successo e all’affermazione della qualità enoica altoatesina, proponendo durante tutto il corso della sua storia – iniziata nel 1907 – una ricca e distintiva qualità per i suoi vini, riconosciuti e pluripremiati a livello nazionale e internazionale. A fare parte di questa grande storia di vino c’è certamente la figura di Hans Terzer, enologo dell’azienda, la mano che ha saputo dare stile e contemporaneità ai vini di San Michele Appiano. Ed è stato proprio lui a creare nel 2010, il vino che già oggi, dopo soli nove anni, è una e vera e propria icona nel mondo vitivinicolo nazionale, parliamo di Appius, il vino da sogno.

cantina terzer

Il Vino

Appius è una cuvée a bacca bianca, composta, precisa e lineare all’interno della quale lo Chardonnay predomina, accompagnato dal Pinot Grigio, il Pinot Bianco e il Sauvignon Blanc, che insieme creano un gioco di sensazioni e aromi vivi, vividi ed energici. Già nel calice presenta un gioco seducente e intrigante, grazie al suo colore giallo dorato luminoso. Al naso è ricco e fruttato e presenta note come banana, melone e agrumi freschi, seguite da note più dolci di pera, pesca bianca e uva spina. Il sorso conferma le aspettative e regala note ancora fruttate, intense ed avvolgenti sostenute da una piacevole nota sapida e una perfettamente integrata alcolicità. Il palato resta marcato e appagato da una piacevolissima e longeva esperienza di beva. 

A chi lo consigliamo

Questo vino è il perfetto compagno delle feste, le rende uniche, elitarie e da ricordare. Lo consigliamo a chi vuole scoprire l’Alto Adige attraverso un vino che incarna e sprigiona, al contempo, il territorio e le sue peculiarità, ma anche a chi sulla tavola del Natale vuole eleganza, ricercatezza ed esclusività. Inoltre, la sua bottiglia, che ogni anno cambia il proprio design, permette ad ognuno una personale interpretazione, con lo scopo di concepire una “wine collection” capace di appassionare gli amanti del vino di tutto il mondo. Prendete al volo il nostro consiglio, perché come ogni edizione di Appius, anche la 2018 è un’edizione limitata, e questo si che rende ancora più esclusivo il vostro Natale. 

Facebook
Twitter
LinkedIn