Freedom Blend, la Moldavia di Purcari Winery a sostegno dei rifugiati ucraini

Tempo di lettura: 2 minuti

Purcari Winery e Freedom Blend, una nuova etichetta solidale per raccogliere fondi per i rifugiati ucraini e celebrare la libertà.

di Giovanna Romeo

Sono trascorsi più di 100 giorni da quando le forze russe hanno invaso l’Ucraina. Più di 14 milioni di persone, secondo le Nazioni Unite, sono fuggite dalle loro case; la metà è sfollata all’interno dell’Ucraina, mentre circa 7 milioni sono partiti per i paesi vicini, tra Moldavia, Romania, Ungheria, Slovacchia e Polonia. Per aiutare gli sfollati è fondamentale il sostegno internazionale. Proprio la Polonia sta ospitando la maggior quantità di profughi, mentre 483.306 ucraini si sono diretti in Moldavia, che oggi conta la più grande concentrazione di rifugiati ospitati in centri di accoglienza improvvisati.

Secondo Decanter l’idea di Purcari Winery, realtà vitivinicola collocata ad una manciata di chilometri dai confini ucraini e cantina pluripremiata che ha ottenuto medaglie di best-in-show, platino e oro ai Decanter World Wine Awards nel 2020, con suite di lusso, sale degustazione e sale conferenze trasformate in alloggi per ospitare oltre 5.000 persone fuggite da una terra dilaniata dai bombardamenti e dall’invasione russa, è Freedom Blend. L’etichetta è stata prodotta per la prima volta nel 2014 in occasione dell’annessione della Crimea alla Russia. Ripensata oggi in un nuovo formato per un secondo progetto, il blend di uve Saperavi 65%, Rară Neagră 20% e uve Bastardo per il 15%, autoctoni originari dell’Ucraina, Georgia e Moldova maturati per nove mesi in botti di rovere dal bouquet armonico e complesso di ribes nero, ciliegia, mora, prugne secche e peperoncino, trova con la sua veste di solidarietà la risposta alle difficoltà dell’invasione russa. Freedom Blend è venduto nel Regno Unito al prezzo di 19,95 sterline e acquistabile a Londra da Transylvania Wines, Best of Hungary, North & South Wines e altri rivenditori indipendenti.

Il ricavato è devoluto ai rifugiati ucraini.

Photo: Château Purcari©Dumitru Brinzan 2015

Facebook
Twitter
LinkedIn