Vini premium: l’investimento giusto in un’economia globale fluttuante

Tempo di lettura: 3 minuti

Il settore dei vini premium, quelli considerati di prestigio, da collezione o investimento, è sempre di più un punto di riferimento per coloro con un patrimonio elevato ma desiderosi di stabilità.

di Giovanna Romeo

I tassi d’interesse in crescita in tutte le principali economie del mondo, l’inflazione che corre ad una media superiore alle previsioni, l’economia globale che si muove come in un saliscendi, le azioni che crollano con l’S&P 500 sceso del 17,02%, il Dow Jones Industrial Average del 13,29%, l’S&P MidCap 400 del 14,46% e l’S&P SmallCap600 scesi del 15,53% da inizio anno al fine di agosto, infine la stagnazione del settore immobiliare. In questo panorama di grande instabilità, il buon vino diventa un bene rifugio.

Secondo wine-searcher il vino non è solo molto richiesto per il consumo, ma considerato per alcuni esperti l’alternativa valida d’investimento. Il prezzo del vino, in media, è al momento stabile o sta addirittura diminuendo a rispetto quanto sta succedendo in altri settori, rispetto al prezzo del carburante ad esempio, aumentato di oltre il 106% su base annua o delle tariffe aeree (più del 37%). Secondo i dati del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, il prezzo medio del vino da tavola nel luglio del 2022 ($13,33) è sceso del 2,1% rispetto al suo massimo nell’aprile del 2021 ($13,62).

Sempre secondo wine-searcher i vendono molto bene i vini che si collocano nella fascia più costosa della scala. Secondo il rapporto Direct-to-Consumer Wine Shipping, che combina i dati di SOVOS ShipCompliant e Wines Vines Analytics le vendite complessive sono diminuite del 9%, ma il valore è aumentato del 3% a 1,95 miliardi di dollari anno su anno. Le vendite di bottiglie di vino a $100 o più sono aumentate del 34,2% in valore e del 36,1% in volume, mentre le vendite di vino a $30 o meno sono diminuite del 9,4% in volume e dell’8% in valore.

Secondo il rapporto DTC del secondo trimestre 2022 di Enolytics e Wine Direct, i vini di lusso con un prezzo superiore a $90 hanno registrato un aumento delle vendite del 32%, mentre le bottiglie con un prezzo inferiore a $20 sono scese dell’1%.

“Stiamo assistendo a una tendenza molto positiva negli Stati Uniti e in Asia”, afferma Michel Couttolenc, vicepresidente delle vendite e del marketing di Seña (collaborazione tra Eduardo Chadwick e Robert Mondavi nella valle dell’Aconcagua, in Cile). “Crediamo fermamente che il mercato premium statunitense abbia un grande potenziale per noi e stiamo appena iniziando a sfruttare esso.”

Secondo un rapporto di Oxfam International il divario tra gli ultraricchi e tutti gli altri è cresciuto durante la pandemia, con i 10 uomini più ricchi del mondo che hanno raddoppiato le loro fortune da $700 miliardi a $ 1,5 trilioni durante i primi due anni della pandemia e che oggi guardano al vino come un modo per bilanciare il proprio portafoglio di partecipazioni. “Quando il mercato azionario sale, i fine wine tendono a salire di più, e quando le azioni scendono, il vino premium può scendere leggermente, ma non così drammaticamente”, osserva David Parker, il fondatore dell’acquirente e venditore di vini rari Benchmark Wine Group, che ha sede a Napa.

Gli investitori desiderosi di evitare alcune delle turbolenze del mercato azionario hanno cercato dunque investimenti alternativi. L’interesse per oggetti da collezione, come l’arte e il vino, è in aumento. Il vino offre rendimenti costanti sul vino investment grade, con una bassa correlazione con la performance generale del mercato. Liv-Ex, la più grande borsa valori del mondo del vino, ha ottenuto un rendimento annualizzato del 13,6% negli ultimi 15 anni, rispetto a un rendimento annualizzato del 7,8% del Dow Jones e dell’8,58% dell’S&; P 500. L’LX1000, l’indice più ampio, è cresciuto del 22,9% negli ultimi 12 mesi e del 47,4% negli ultimi cinque anni.

Ci sono diversi modi per investire nel vino, spiega Parker: attraverso titoli di vino o ETF come LVMH, attraverso fondi di investimento nel vino come Vinovest, o attraverso acquisizioni individuali di vini blue chip.

“La maggior parte degli acquirenti di vini pregiati vede le proprie collezioni sia come beni di consumo che come oggetti da collezione”, qualcosa che è sempre più interessante per gli investitori che cercano denaro per parcheggiare da qualche parte”, afferma Justin Gibbs, vicepresidente e direttore degli scambi di Liv-ex. “Il primo, perché sono appassionati di ciò che c’è nel bicchiere e gli piace berlo, il secondo, perché lo riconoscono come riserva di valore. La sua relativa scarsità e la sua tangibilità lo contraddistinguono come una vera alternativa, per esempio, ad azioni e obbligazioni. È quindi considerato uno strumento di diversificazione del portafoglio. La sua tangibilità diventa particolarmente interessante in tempi di inflazione in cui la carta moneta perde il suo valore nel tempo”.

Facebook
Twitter
LinkedIn