È il rosa a guidare le vendite di vino e spirits

Tempo di lettura: 4 minuti

Non solo calici di rosé. Anche gli spirits cavalcano l’onda di questo successo, con il colore rosa diffuso in tutte le categorie di cocktail e liquori. Il gin ha dato il via alla tendenza.

di Giovanna Romeo

Rosa pastello, rosa tenue, rosa pesca, rosa antico, rosa cerasuolo. Sono tante le sfumature di questo delizioso colore riconosciuto come il simbolo della capacità di amare e di vivere con passione i sentimenti. Variante più tenue del colore rosso, ha trovato in questi ultimi anni una forza tutta sua anche nel mondo del vino. I rosati sono diventati un appuntamento fisso per il consumatore e a sua volta per i produttori, sempre di più alla ricerca di quella elegante sfumatura che contrassegna i rosati provenzali, da sempre riferimento per l’eccellenza. Secondo IWSR Drinks Market Analysis, il volume delle vendite di vino rosato è cresciuto del 118% dal 2015 al 2020 e si prevede che aumenterà di quasi il 70% dal 2020 al 2024.

Insieme al vino l’ascesa degli spirits, dalle vodka aromatizzate ai gin, ai cocktail tutti tendenza “drink pink”. Da Miami a Los Angeles, da Barcellona a Dublino, da Saint Tropez a Capri e Portofino è molto facile imbattersi in cocktail bar colmi di bottiglie vestite di rosa. Pink gin, Pink lady, Monte Rosa sono invece solo alcuni cocktail spudoratamente rosati. Il magazine Seven Fifty Daily segnala come negli ultimi cinque anni i distillatori abbiano iniziato a distillare infarcendo spirits, altrimenti neutri, di sfumature color rosa. A luglio, l’analisi del mercato delle bevande IWSR prevedeva che la tequila rosa sarebbe cresciuta a un tasso di crescita annuale composto in volume (CAGR) del 7% dal 2021 al 2026, dopo aver già registrato una crescita del 17 % nel 2021. Lo stesso rapporto ha rivelato un successo simile per il gin rosa, cresciuto del 16% in volume nel 2021 e un enorme CAGR del 263,6% tra il 2015 e il 2019.

Moda passeggera o anche gli spirits dal cromatismo rosa possono essere risorse in grado di far leva sul mercato degli alcolici? È stata la categoria dei gin a dare il via alla tendenza. Nel 2017, Gordon ha commercializzato un gin rosa, seguito da Malfy Rosa, Beefeater Pink Strawberry Gin e altri nel 2018. Nello stesso anno, quando Pá Burke ha contribuito ad avviare Hyde Bar come capo mixologist a Galway, in Irlanda, ricorda di aver aperto con più di 600 gin nel menu, e il rosa si stava facendo strada nel mix. Nel corso degli anni, Burke ha notato una crescita di gin rosa premium con maggiore complessità grazie all’invecchiamento in botti di vino rosso o dall’infusione di fiori rosa e botanici.

Quando nel 2018 laGlendalough Distillery ha deciso di mettere in commercio un gin rosa, il capo distillatore Ciarán Rooney ha voluto che fosse un tributo a sua madre, Rose. I petali di rosa del suo giardino, così come la miscela di piante botaniche raccolte nelle vicine montagne di Wicklow a sud di Dublino, hanno aggiunto una tonalità rosata naturale e lo hanno caratterizzato per le sottili note floreali. “Abbiamo lanciato Rose Gin negli Stati Uniti nel 2019 come parte della nostra offerta principale. Le tendenze per i gin aromatizzati all’epoca hanno supportato la decisione di lanciarlo nei mercati di tutto il mondo“, afferma il brand manager Seán Windsor, aggiungendo che da allora c’è stato un aumento del 31% delle vendite.

Se molti produttori di liquori si sono affidati ad additivi coloranti aromatizzati ai frutti di bosco o fiori e prodotti botanici per aggiungere colore ai loro distillati chiari, quelli di tequila hanno da subito adottato botti di vino rosso per creare le loro interazioni rosa, un processo che ha permesso di aggiungere profondità e complessità alle basi di tequila “blanco”.

Sviluppare uno spirits premium per completare i sapori naturali di agave di una tequila blanco era l’obiettivo che il cofondatore di Código 1530. Federico Vaughan ha portato il Rosa Blanco nel portafoglio nel 2016. L’ispirazione per la tequila rosa di Códigoè il risultato di un processo consolidato per le tequila reposado e añejo del marchio, entrambe invecchiate in botti di vino rosso. Secondo Vaughan, dalla sua prima uscita, la Rosa ha registrato una crescita di oltre il 60% ogni anno, ben al di sopra delle proiezioni annuali dell’azienda.

Sebbene il colore rosa sia spesso stereotipato come una tonalità “femminile”, la domanda di gin rosa da parte di uomini e donne è stata equilibrata; una categoria quella degli spirits rosati che sta sicuramente guidando le vendite. “La gente vuole solo qualcosa di divertente da bere“, continua Burke. “La mania del gin tonic in Spagna con i bicchieri a coppa grande pieni di frutta, fiori e spezie ha aiutato quella percezione“.

Penso che in termini di colore, il rosa sia solo l’inizio e continueremo a vedere una tendenza di spiriti colorati in futuro”, afferma Sanchez. In questi giorni, gli alcolici rosati sono molto richiesti. Il colore rosa si riferisce al divertimento e al sentirsi bene, e molti bartender giocano sempre di più con questo colore“. Sanchez ha incluso per la prima volta il Código 1530 Rosa Blanco nel suo programma bar come parte di una degustazione educativa di tequila nel 2019, quando ha lavorato al Four Seasons Rancho Encantado di Santa Fe. Ora da Evelyn’s, lo usa come parte di una selezione di liquori premium come tequila da sorseggiare, così come in alcuni cocktail come Ranch Waters e tequila Manhattans. Al Toca Madera di Scottsdale, in Arizona, il bar manager Michael Nester ha inserito la tequila rosa nei cocktail Paloma, nel Como la Flor, una miscela leggera e rinfrescante di Código 1530 Rosa Blanco, guava, succo di limone e acqua di rose.

Facebook
Twitter
LinkedIn