Cerca
Champagne

La Champagne del futuro

Tempo di lettura: 4 minuti

Presentato a Wine Paris & Vinexpo Paris il piano di investimenti per i prossimi 10 anni per la filiera dello Champagne.

Il Comité Champagne traccia la rotta verso la Champagne del futuro grazie a un piano di strategia globale per affrontare le sfide del decennio a venire. Creato dalla legge francese del 12 aprile 1941, ha sede a Epernay e riunisce tutti i viticoltori e tutte le Maison di Champagne. L’organizzazione interprofessionale rappresenta uno strumento di sviluppo economico, tecnico e ambientale. Il Comité Champagne mette le due professioni in relazione tra loro e conduce una politica di qualità costante e di valorizzazione del patrimonio comune della denominazione. Il budget annuale crescerà di 10 milioni di euro nei prossimi cinque anni con investimenti in R&D, sviluppo sostenibile della filiera e rafforzamento delle sue missioni fondamentali. L’obiettivo è garantire che lo Champagne sia sempre disponibile, desiderabile e un esempio per i consumatori. I risultati del 2022 confermano il dinamismo generale del mercato dello Champagne con 326 milioni di bottiglie spedite nel 2022 (+1,6% rispetto al 2021). Lo Champagne si è rapidamente ripreso dallo shock della crisi sanitaria del 2020 e mantiene indiscutibilmente quel posto unico che occupa nella mente e nel cuore dei consumatori grazie anche a un’organizzazione interprofessionale all’altezza delle sfide. 

Per affrontare le sfide della produzione e della qualità, la filiera si doterà di un nuovo centro di ricerca, sviluppo e innovazione. Questo nuovo sito, che sarà operativo entro il 2025, aumenterà del 40% la superficie del laboratorio esistente e ospiterà attrezzature all’avanguardia: una cantina sperimentale più ampia, una nuova sala di degustazione due volte più grande dell’attuale e una nuova piattaforma sperimentale di un ettaro. Sarà necessario affrontare il problema cambiamenti climatici, lo sviluppo di malattie che causano il deperimento delle viti, come la flavescenza dorata che si sta configurando come la fillossera del XXI secolo.

La ricerca sui vitigni è una forte leva per l’adattamento ai cambiamenti climatici e una risposta alle aspettative della società sulla riduzione dei fitofarmaci. La Champagne ha aderito al programma di innovazione varietale dell’INRAE nel 2010 e ha creato un proprio programma regionale nel 2014. Preparare la viticoltura di domani e preservare la tipicità dei vini in un contesto climatico in evoluzione è dunque fondamentale. Allo stesso modo lo è garantire la disponibilità e la qualità dei suoi vini a lungo termine. La Champagne lavora sulle nuove varietà, sui metodi per combattere le diverse forme di deperimento del vigneto e definisce nuove strategie enologiche e di gestione del suolo. L’obiettivo è quello di anticipare gli effetti del cambiamento climatico, ma anche di soddisfare le esigenze della transizione agroecologica.

“Non si tratta solo di rispondere all’evoluzione della domanda dei consumatori, ma di garantire la produttività e la continuità del vigneto della Champagne, di concepire e promuovere una viticoltura in equilibrio con l’ecosistema per produrre una quantità sufficiente di uve di qualità. È questa l’ambizione del piano per la filiera e il percorso che ci siamo prefissati”, ha affermato Maxime Toubart, presidente del Syndicat général des vignerons e co-presidente del Comité Champagne.

Verso l’obiettivo “Net Zero” entro il 2050: un nuovo ambizioso piano per lo sviluppo sostenibile

Lo Champagne è stato un pioniere nel mondo del vino in termini di sviluppo sostenibile. Già negli anni ‘80, l’organizzazione interprofessionale ha iniziato a lavorare sul trattamento dei reflui, sulla lotta biologica in vigna e sulla zonazione. Per la filiera dello Champagne il contrasto ai cambiamenti climatici e l’adattamento alle nuove condizioni ambientali sono le priorità, come dimostrano i risultati già conseguiti: il 100% dei reflui vinicoli e oltre il 90% dei rifiuti industriali sono trattati, dal 2003 è stata ridotta del 20% l’impronta carbonica per bottiglia, il 63% delle aree viticole è in possesso di una certificazione ambientale con l’obiettivo di raggiungere il 100% entro il 2030. Nel 2003 la Champagne è stata la prima regione vinicola al mondo a misurare la sua impronta carbonica. Oggi accelera l’attuazione del suo piano di sostenibilità per accompagnare la filiera verso l’obiettivo “Net Zero” entro il 2050 attraverso una forte riduzione delle emissioni (-75% entro il 2050), lo sviluppo di pozzi di carbonio e, come ultima risorsa, la compensazione delle emissioni. Il piano di filiera deve parallelamente rafforzare le ambizioni economiche e sociali della Champagne, che includono il rafforzamento della resilienza del settore, dell’occupazione – per natura non delocalizzabile – e dell’attrattività della regione.

La Champagne, un progetto collettivo

Rafforzare le missioni fondanti del Comité Champagne per aumentare il successo della regione dello Champagne da sempre basata anche su progetti collettivi. Il piano prevede anche il rafforzamento della formazione con lo sviluppo di un ecosistema educativo esteso, coerente e impattante. L’obiettivo è di essere riconosciuti come porta d’ingresso e fondamentale attore nella formazione sullo Champagne. L’innovazione partecipativa sarà la leva per coinvolgere sistematicamente la filiera e accompagnarla in un percorso di appropriazione di nuove competenze.

Una delle missioni fondamentali del Comité Champagne è la tutela della denominazione. Si tratta di difendere un patrimonio tramandato di generazione in generazione per secoli. Oggi, grazie all’azione quotidiana del Comité Champagne, la denominazione è riconosciuta e protetta in 121 paesi. Il piano di filiera avrà anche il compito di proseguire la lotta contro gli usi abusivi della denominazione, sempre più numerosi con il crescere delle nuove tecnologie.

“L’investimento che stiamo realizzando incarna la responsabilità sociale dei nostri attori ed è una priorità assoluta per garantire che lo Champagne rimanga un vino eccezionale, sostenuto da una filiera unita, responsabile e impegnata. È un nuovo slancio al servizio delle nuove ambizioni della nostra denominazione e del nostro terroir”, commenta David Chatillon, presidente dell’Union des Maisons de Champagne e co-presidente del Comité Champagne.

Facebook
Twitter
LinkedIn
TS Poll - Loading poll ...