Cerca
1.Prowein22_Italy_

Inizia il countdown per ProWein 2023

Tempo di lettura: 2 minuti

Da domenica 19 a martedì 21 marzo torna a Düsseldorf ProWein: 13 padiglioni per oltre 6 mila espositori. Italia protagonista con circa 1750 espositori distribuiti in 3 padiglioni.

Circa 6.000 espositori da più di 60 Paesi di cui 4500 dall’Europa; rappresentate oltre 400 aree vitivinicole da tutto il mondo; oltre gli 300 espositori di vini biologici, provenienti da circa 20 paesi. Questi i numeri del prossimo ProWein in calendario dal 19 al 21 marzo a Düsseldorf.

“Lavoriamo da sempre con l’obiettivo di potenziare quella che molti addetti ai lavori definiscono la più efficiente piattaforma di affari al mondo per quello che concerne wine&spirits – ha spiegato Michael Degen, Executive Director di Prowein, nel corso della presentazione romana dell’edizione 2023 – e la crescita continua ed esponenziale della fiera dimostra la validità del nostro operato. Fa inoltre estremamente piacere parlare di questo in Italia che rappresenta un esempio perfetto di come Prowein abbia acquisito il ruolo di fondamentale punto di riferimento per produttori, stakeholders, media e tutta la filiera che gravita nel mondo dei vini e degli spirits”.

L’Italia sarà grande protagonista della fiera. Nel 1994 alla prima edizione di ProWein il Belpaese si presentò con 29 produttori. Quest’anno ne sono previsti oltre 1.750. Un numero altissimo che pone l’Italia saldamente al primo posto per rappresentatività, unico paese presente in ben 3 padiglioni, davanti alla Francia. Un vero e proprio dream team che non vede schierati soltanto i nomi più importanti del gotha vinicolo nazionale, ma anche istituzioni e realtà territoriali in grado di raccontare l’Italia del vino. Tra le novità la presenza dell’ICE con uno stand interregionale.

“Il tutto in un contesto dall’ampio respiro internazionale – ha concluso Michael Degen – dove business, tendenze e novità si fonderanno in un unico mix. Con centinaia di degustazioni, incontri a tema, approfondimenti in grado di soddisfare le diverse esigenze degli ospiti della Messe. Con debutti importanti come quello di “World of Zero”, focus sul tema sempre più attuale dei vini analcolici; e conferme come “Same but Different”, dedicato alle bevande alcoliche artigianali come birra e sidro, e ancora l’“Urban Gastronomy Lounge” con un gruppo selezionato di ristoratori che darà vita a performance che andranno in diretta streaming in tutto il mondo”.

Per ulteriori informazioni visitare il sito.

Facebook
Twitter
LinkedIn
TS Poll - Loading poll ...