Torna la grande musica a Montalcino

Tempo di lettura: 2 minuti

Dal 19 al 24 luglio è tempo di Jazz & Wine 2022: si festeggiano i 25 anni del festival

Jazz & Wine in Montalcino scalda i motori: dal 19 al 24 luglio le stelle del jazz mondiale festeggiano 25 anni dell’attesissimo festival che unisce la grande musica jazz e il vino. Nato dalla collaborazione tra l’azienda vinicola Banfi, la famiglia Rubei dell’Alexanderplatz di Roma e il Comune di Montalcino, la rassegna porterà nel comune toscano artisti del calibro di Richard Galliano, Ron Carter, John Patitucci, Paula e Jacques Morelenbaum, Mario Biondi e – in prima assoluta, l’Orchestra Nazionale Alexanderplatz.

Si parte martedì 19 luglio a ritmo di samba. Nello scenario dello storico Castello Banfi sarà protagonista una formazione che vanta artisti che hanno scritto pagine di storia della bossa nova: la voce immensa di Paula Morelenbaum sarà accompagnata da un asso mondiale del violoncello come Jacques Morelenbaum. Mercoledì 20 luglio, il leggendario Ron Carter apre i concerti in Fortezza a Montalcino. Leggenda della storia del jazz e faro per il jazz contemporaneo, è il più apprezzato dei contrabbassisti sulle scene internazionali. Sul palco insieme a lui, Jimmy Greene al sax, Renee Rosnes al piano e Payton Crossley alla batteria.

Si prosegue, giovedì 21 luglio, con la prima assoluta dell’Orchestra Nazionale Alexanderplatz. La formazione è composta da una sezione di fiati tipicamente jazzistica e da un ensemble di dieci archi: ventitré giovani musicisti diretti dal Maestro Franco Piana.

A ritmo di New Tango e New Musette, sempre sul palco della Fortezza di Montalcino, venerdì 22 luglio arriva una star mondiale: riflettori accesi su Richard Galliano che, con la sua fisarmonica, insieme a Adrien Moignard (chitarra) e Diego Imbert (contrabbasso), offrirà al pubblico una serata che si preannuncia imperdibile. Sabato 23 luglio, si continua con John Patitucci Trio Feat. Rogerio Boccato e Yotam Silberstein. La venticinquesima edizione di Jazz & Wine in Montalcino chiude domenica 24 luglio con un concerto che Mario Biondi e i fratelli Scannapieco, cresciuti musicalmente all’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, dedicano alla memoria di Paolo Rubei, scomparso prematuramente a febbraio scorso.

Facebook
Twitter
LinkedIn