Disuguaglianza di genere: fondamentale la sinergia delle donne del vino di tutto il mondo

Tempo di lettura: 3 minuti

Senay Ozdemir e il suo impegno di fronte alle tensioni globali e alla persistente disuguaglianza. Unire le donne che lavorano nel settore del vino in tutto il mondo, concentrandosi sulle nazioni in difficoltà.

di Giovanna Romeo

Negli ultimi anni si è fatto sempre più consistente l’impegno delle donne nel mondo del vino verso la disparità di genere grazie all’importante contributo della fondatrice e direttrice dell’International Women in Wine ExpoSenay Ozdemir. Originaria della Turchia, oggi vive nei Paesi Bassi, Ozdemir ha scoperto per la prima volta la sua passione per il vino in Texas. Organizzatore e produttore di eventi, Ozdemir ha provato a unire i professionisti del vino nelle regioni vinicole meno conosciute insieme a quelle che lavorano nelle regioni più consolidate. Il suo lavoro si concentra in particolar modo in luoghi e situazione in cui il progresso delle donne potrebbe essere ostacolato dalla politica, dall’oppressione, dalla violenza o dai conflitti.“Uno dei problemi principali in queste regioni è che spesso vivono situazioni politiche instabili – , afferma Ozdemir. – Gli investitori tendono ad evitarle regioni così instabili”.

Secondo il World Economic Forumil problema della disparità di genere non solo non ha fatto passi avanti ma è addirittura peggiorato. Sebbene l’industria delle bevande non abbia analizzato completamente l’impatto della pandemia sulle donne nella sua forza lavoro (COVID-19 ha spinto circa 47 milioni di donne verso la povertà estrema e ha ampliato il divario di povertà di genere), secondo UN Women sembra probabile che le donne nel vino, come in molti altri settori, abbiano perso terreno nella ricerca dell’uguaglianza. A livello globale, 2,4 miliardi di donne in età lavorativa non hanno pari opportunità economiche, riferisce la Banca Mondiale. In 95 paesi del mondo, molti dei quali includono regioni vinicole, alle donne non viene garantita la parità di retribuzione per lo stesso lavoro.

Come riporta SevenFiftyDaily ,“Le donne che ho incontrato erano curiose l’una dell’altra. Volevano sapere come fanno le altre donne di Spagna, Turchia, Belgio o Sud Africa ad avere successo. Avevano bisogno di incontrarsi e condividere esperienze e best practices”– racconta Senay Ozdemir.

L’idea di intrecciare una ricca comunità di donne incentrata su produttrici di vino delle regioni meno conosciute è iniziata nel 2019 con un piccolo evento che si è svolto a Rotterdam e Bruxelles grazie al quale ha costruito la sua rete e plasmato il suo format, mettendo gli occhi su una nuova sede nella regione vinicola di Kakheti in Georgia. Purtroppo, l’evento è stato annullato di fronte alla pandemia.

Con un pubblico di 75 partecipanti provenienti da 16 nazioni, il Women in Wine Expo si è finalmente riunito a maggio 2022 presso il Lopota Lake Resort ai piedi delle montagne del Grande Caucaso. Il feedback dei partecipanti conferma che si è trattato di un incontro proficuo con un futuro promettente e margini di crescita. Relatori come Maryna Revkova, The Best Sommelier of Ukraine 2020, Zaruhi Muradyan, leader della Wine and Vine Foundation of Armenia, Sharrol Mukendi-Klaas, sommelier partecipante alle Premium Independent Wineries of South Africa Women in Wine Initiative ed Erin Kirschenmann, editore statunitense di Wine Business Monthly hanno evidenziato come nel mondo del vino di donne si parli davvero poco. Presente anche Ivett Vancsik, caporedattore della rivista vinicola ungherese VinCe. Pur rilevando che negli ultimi decenni sono stati compiuti grandi progressi nell’industria vinicola ungherese, riconosce che permangono sfide scoraggianti. In particolare, afferma: “Se parliamo di sommelier di alto livello, beh, le donne sono decisamente sottorappresentate”.

Il World Economic Forum classifica l’Ungheria al 99° posto nell’indice di parità di genere, indicando che le donne nella sua forza lavoro, compresa l’industria del vino, possono incontrare barriere sociali ed economiche meno comuni in alcune altre nazioni. “Abbiamo molte viticoltrici talentuose e apprezzate e la qualità dei loro vini parla più di mille parole – afferma Vancsik – ma hanno davvero dovuto dimostrare i loro meriti due volte più duramente. Le donne inoltre guadagnano ancora meno degli uomini”.

Secondo Ozdemir, l’Ungheria è uno dei paesi produttori di vino più sottovalutati al mondo. Anche in regioni apparentemente più stabili, le sfide legate al lavoro come imprenditrice, nel settore del vino o in qualsiasi altro settore, possono essere scoraggianti. “È difficile per me credere – afferma – che anche in un paese ricco e moderno emancipato come i Paesi Bassi, le donne che lavorano in agricoltura in genere aiutano i loro mariti, fratelli, padri, ma spesso non possiedono ufficialmente nulla. Questo è qualcosa che si deve affrontare”.

Connettere le donne attraverso eventi come Women in Wine Expo è una parte fondamentale della soluzione. La prossima conferenza Women in Wine Expo 2023 è in programma dal 10 al 12 maggio a Londra, con focus sugli spumanti.

Facebook
Twitter
LinkedIn