Franciacorta

Tempo di lettura: 2 minuti

La Franciacorta è un territorio vinicolo lombardo situato in provincia di Brescia, racchiuso a nord dal Lago d’Iseo, a sud dal Monte Orfano, a est dai comuni di Gussago e Cellatica e a Ovest dal Monte Alto.

Il territorio è di origine morenica con collinette disposte ad arco intorno all’estremità meridionale del lago, e solo alcune superano i 300 mt di altezza.

La fascia più esterna, a sud, è la più antica originatasi quando il ghiacciaio era al massimo della sua estensione: le ondulazioni sono irregolari e non elevate con un terreno prevalentemente ghiaioso di origine alluvionale.

La fascia intermedia è la cerchia morenica più alta tra Erbusco, Pedergnano, Passirano fino ai dossi sopra Curte Franca. Nella fascia interna invece ci sono depressioni con depositi lacustri (conca di Borgonato) e la zona delle torbiere.

Franciacorta è anche il nome dei vini DOCG, vini spumanti prodotti secondo il metodo classico da uve Chardonnay, vitigno che apporta eleganza e ricchezza, Pinot Nero per potenza e struttura, Pinot Bianco per profumi e finezza ed Erbamat, antico vitigno autoctono utilizzato ancora in una bassa percentuale ma fondamentale per il sostegno in acidità.

Sono tre le tipologie di Franciacorta previste dal disciplinare: Franciacorta, costituito da percentuali diverse di Chardonnay, Pinot nero e max 50% di Pinot bianco, Franciacorta Rosé, con una percentuale minima del 25% di Pinot nero, e Franciacorta Satèn, prodotto esclusivamente da uve a bacca bianca.

Anche il periodo di affinamento sui lieviti varia a seconda della tipologia: 18 mesi per il Franciacorta senza annata, 24 mesi per il Satèn e il Rosé, 30 mesi per il Millesimato (prodotto cioè con uve della stessa vendemmia) e 60 mesi per la Riserva.

Tutte le versioni affinano poi  almeno 6 mesi in bottiglia prima di essere messe in commercio.

Da sottolineare come il Satèn si differenzia dalle altre versioni per una minore pressione in bottiglia: le atmosfere di anidride carbonica raggiungono a fine fermentazione una pressione inferiore a 5 atmosfere. Il risultato è uno spumante più elegante, cremoso, fine e con una spuma cremosa.

Facebook
Twitter
LinkedIn